Zhang Congfu

dicembre 26th, 2009 § 0 comments

Share Button

di Giuseppe Mighali

Zhang Congfu, in cinese 张 从富, nacque nel 1736 (清高宗元年) nella provincia di Pingxiang in Hebei e morì nel 1816 (仁宗二十一年) all’età di 80 anni. Maestro di 8a generazione di Meihua Zhuang della grande intelaiatura, riformò lo stile fondandone uno nuovo denominato della piccola intelaiatura.

Discepolo del maestro Zhao Xueyi (赵 学义), i vari appunti storici lo ricordano buono di cuore e molto saggio, dedito alle arti marziali così come allo studio dei classici, due aspetti nei quali già in tenerà età raggiunse lodevoli traguardi.

Partendo dalla grande intelaiatura, codificò il Meihua Zhuang della piccola intelaiatura, e dopo ciò per tutta la vita si impegnò nel diffondere il pensiero “tutti i praticanti di Meihua del mondo sono un’unica famiglia” (天下梅花是一家).
Ed è così che, ancora oggi, gli unici due rami realmente esistenti del Meihua Zhuang, non si sono mai divisi effettivamente, come sarebbe successo in altri stili, e tutti i praticanti sentono di appartenere ad un’unica famiglia, pur conservando anche all’interno degli stessi rami sovrammenzionati alcune differenze nella pratica a volte molto visibili, ma sempre facenti parte di un quadro concettuale e tecnico ben preciso.

Nel 1764, Zhang Congfu decise di aprire una miniera a ovest di Xingtai in Hebei. I suoi discepoli erano molto poveri e spesso risultava difficile organizzare gli impegni lavorativi con l’allenamento. Così il maestro si diresse verso la capitale per richiedere i permessi necessari. In città notò un gruppo di uomini mentre accerchiavano una persona con l’intento di ucciderla. Il maestro intervenne immediatamente, salvò il malcapitato e solo dopo venne a conoscenza dell’identità dell’uomo: l’allora imperatore Qianlong (乾隆帝).
L’imperatore stupito dalle abilità marziali di Zhang Congfu volle trattenerlo a corte, e per ringraziarlo gli offrì una somma in denaro e una carica di ministro. Il maestro accettò l’abito da ministro (nell’immagine), ma rifiutò l’incarico, comunicando all’imperatore di non ritenersi all’altezza.

Rientrato nel suo villaggio, con i suoi discepoli aprì la miniera. La vita dei praticanti divenne subito più calma, tutti si organizzarono in modo da lavorare in miniera di giorno e allenarsi di sera. E i risultati non tardarono a farsi vedere.
Dopo qualche anno Zhang Congfu lasciò la miniera ad alcuni suoi discepoli e si mise in viaggio.

Nel 1816, il maestro fondatore della piccola intelaiatura morì nel suo villaggio nella provincia di Pingxiang in Hebei. I discepoli comunicarono la morte alla corte imperiale e l’imperatore Jiaqing (嘉庆帝), come ringraziamento per aver salvato l’imperatore Qianlong suo predecessore, ordinò e finanziò la costruzione della tomba di Zhang Congfu.

Share Button

Ti potrebbero anche interessare:

Un viaggio alle radici del Meihua Zhuang
5 aprile 2014

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

What's this?

You are currently reading Zhang Congfu at All’ombra dei susini in fiore.

meta